Home » Attualità » A Piazza Indipendenza ci si accoppia in pieno giorno sul marciapiede.

A Piazza Indipendenza ci si accoppia in pieno giorno sul marciapiede.

Un po' di riflessioni 

      

 


Le tragedie del buonismo, del lassismo, dell'ipocrisia, del doppiogiochismo, dell'ideologia cattocomunista di sinistra e degli interessi affaristici della destra sono solo agli inizi. Ne vedremo delle belle nei prossimi anni e pagheremo carissimo questo atteggiamento che è solo italiano e che a Roma trova un terreno ancora più fertile per germinare invasivo e infestante. 

Il livello di anarchia (e di converso di sopraffazione e di violenza) ha preso il sopravvento in maniera dirompente e sarà sempre di più così.

Con il suo atteggiamento il paese e la città hanno fatto la cosa peggiore possibile: dare l'illusione a centinaia di migliaia di persone (alcuni disperati, altri profittatori e furfanti) che qui tutto si può fare, che qui non esiste controllo, che qui non esiste pena, che qui ogni malefatta è perdonata. Un illusione che peraltro si è spesso rivelata reale.

Delinquere, aggredire, scippare, violentare, occupare è diventato un diritto. Se hai qualcosa da ridire devi chiedere il permesso, le forze dell'ordine devono avere paura e non possono osare azioni. E così mentre a Milano certa sinistra si sfastidia di un sacrosanto blitz della polizia alla Stazione Centrale, alla Stazione Termini di Roma le persone vengono aggredite colpevoli soltanto di girare un servizio televisivo per un talk show: è successo ieri.


Ormai solo qualche giornalista si occupa di contrastare (con le uniche armi del taccuino e delle telecamere) la mostruosità illegalità diffusa delle nostre città e di Roma in particolare. Le forze dell'ordine si sono ritirate di buon grado non tanto per colpa loro quanto per un impianto normativo scritto e stratificato negli anni con l'unico obbiettivo di tutelare chi delinque. E così tutti coloro che potrebbero intervenire hanno gioco facile a trincerarsi dietro alla filastrocca di "abbiamo le mani legate". E il problema è che in larga parte è vero. 

Quando poi qualche intervento c'è, sempre spot e mai strutturale, o viene vanificato a valle dalla Magistratura (che però non fa che applicare le leggi, intendiamoci) che sistematicamente rende inutili le azioni delle forze dell'ordine, oppure viene preso di mira dalle polemiche. È successo in questi giorni ai vigili che hanno effettuato un sacrosanto blitz contro gli abusivi in centro: uno di loro, fuggendo, si è sentito male ed è morto. E giù polemiche come se i Vigili non avessero semplicemente - e finalmente! - fatto il loro lavoro. Se a quell'uomo non fosse stata instillata in testa l'illusione dell'impunità, forse avrebbe operato in modo diverso, forse avrebbe deciso di trovarsi una sistemazione diversa, un lavoro meno illegale. Ma finché c'è la sensazione che tutto si può fare, nessuno è motivato e stimolato a migliorare e ad evolvere.



La disperazione, il degrado, l'illegalità che vediamo nelle nostre strade non è soltanto una funzione del disagio, del bisogno e della povertà. È anche e soprattutto una funzione del permissivismo, dell'ipocrisia, del senso di colpa che ci impedisce di punire quell'illegalità stimolando chi la pratica a crescere socialmente. 
Sono le nostre norme e il modo con cui le applichiamo a generare disagio, a generare povertà a togliere qualsiasi stimolo alle persone nell'emergere dal gorgo dell'illegalità, della sopraffazione e della violenza. In Italia e a Roma in particolare comportarsi illegalmente è troppo conveniente, mentre stare nella legalità è penalizzante. Finché questo non cambierà tutto continuerà e a peggiorare e la sensazione di impunità di chi viola le norme crescerà sempre di più come un cancro.

Quello che succede sotto la metropolitana lo documentiamo tutti i giorni, ma oggi la riflessione va fatta sulle immagini che ci sono arrivate dalla superficie. Ieri pomeriggio i dipendenti degli uffici che affacciano su Piazza Indipendenza si sono "goduti" per l'ennesima volta la scena pornografica di gente che si accoppia sul marciapiede di una delle aree più centrali della città. Su Piazza Indipendenza affaccia uno dei più celebri palazzi occupati di Roma, l'ex sede della Federconsorzi: il proprietario è un privato che sta subendo degli enormi danni economici, paga le utenze, paga perfino l'Imu, ha fatto mille esposti e ha mille pronunciamenti a favore dello sgombero che però non viene effettuato da oltre 3 anni. In più l'occupazione è considerata una delle più attenzionate della città quanto a pericolosità e a rischio dei soggetti che vi sono all'interno. E come potete vedere i controlli sono talmente intensi che due persone, in pieno giorno, possono tranquillamente farsi una trombata in piena libertà tra giacigli di fortuna, montagne di spazzatura dovunque e alcol&droga ad annebbiare il cervello.

L'azione è totalmente coerente: se passa il concetto che puoi fare quello che ti pare, fai quello che ti pare. Se puoi occupare liberamente e senza conseguenze, se puoi rubare liberamente e senza conseguenze, se liberamente e senza conseguenze puoi esercitare abusivamente o puoi trasformare parchi e aree verdi in villaggi e bidonville, non si capisce dove starebbe il problema se tra i tanti bisogni fisiologici che hai assolvi liberamente e senza conseguenze anche a quello di fare sesso. E poco importa se dall'altra parte della piazza, a 20 metri in linea d'aria, ha sede il Consiglio Superiore della Magistratura...

E se osi dire qualcosa sei un fascista, sei un illiberale, sei cattivo e non capisci il disagio. Se vuoi aumentare i controlli stai percorrendo la "deriva sicuritaria", a Roma c'è tutto un mondo che parte dalla mafia dei centri sociali e dei "movimenti" e arriva fino all'ultimo degli eletti in consiglio comunale che la narra così, da anni. Peccato che non sia così da nessuna altra parte del pianeta terra. Peccato che questa sia proprio la strada per condannare gli ultimi a rimanere sempre tali. Perché "l'identità di Roma è quella di essere città dell'accoglienza" come ha detto ieri l'esponente del PD Valeria Baglio per criticare una proposta una volta tanto sensata da parte del Movimento 5 Stelle: evitare di somministrare i pasti Caritas nei pressi di parchi pubblici - Colle Oppio nella fattispecie - che poi diventano così automaticamente la casa e il ricovero notturno di chi ha appena ritirato la cena. 

L'unica "città dell'accoglienza" dalla quale tutti gli abitanti vogliono fuggire via. Fatta eccezione naturalmente per quelli che in questo letamaio ci marciano o a livello politico o a livello economico.
 
http://www.romafaschifo.com/2017/05/a-piazza-indipendenza-ci-si-accoppia-in.html
05/05/2017