Home » Attualità » Corea, Venezuela e la confusione nella sinistra

Corea, Venezuela e la confusione nella sinistra

      

di Antonio Moscato (sito)

 

Un paio di mesi fa avevo pubblicato un articolo dal titolo inequivocabile: 1950-2017: Perché la Corea del Nord ha tutti i diritti di odiare gli USA, preoccupandomi soprattutto di arginare una prevedibile campagna di demonizzazione di un nuovo “Stato canaglia”. Questo compito non è cessato, i grandi quotidiani martellano con titoli tipo “La sfida di Kim al mondo” o “La bomba di Kim spaventa il mondo” e intervistano “esperti” per discutere seriamente se il leader coreano “è un pazzo con cui non si può negoziare”. 

 

Va detto che a volte estendono l’analisi al presidente degli Stati Uniti. Questo tipo di argomentazione ha fatto breccia, ma al massimo si discute se Trump sciupa occasioni per una soluzione diplomatica, mentre nessun commentatore si domanda che diritto hanno gli Stati Uniti (con Trump oggi, con Obama ieri) a decidere le sorti di tanti paesi.

Invece c’è sempre chi, nelle trasmissioni radiofoniche come “Prima pagina” di Radio3, dimostra di aver abboccato all’amo e fa la rituale domanda: “Ma dove sono i pacifisti? Se l’esperimento fosse stato fatto dagli Stati Uniti, avrebbero fatto un putiferio”.

Beata ingenuità! Peccato che gli USA non solo hanno fatto migliaia di esperimenti sotterranei e nell’atmosfera (sospesi poi un po’ per le proteste interne, un po’ perché ormai c’era rimasto poco da sperimentare), ma hanno lanciato le uniche due atomiche utilizzate finora nel mondo, colpendo quasi esclusivamente civili di un paese ormai sconfitto e disposto a trattare la resa.

Ma dimentichiamo per il momento gli effetti di una propaganda insidiosa.

Non c’è dubbio che quel poco che resta del movimento contro la guerra è sempre più disorientato, ed è incerto se sia il caso di difendere la Corea del Nord da un eventuale attacco degli Stati Uniti, dati i toni roboanti della propaganda di Kim Jong-un. Cercando sul sito articoli che riguardavano la posizione del Che sulle armi nucleari, avevo trovato utile questo mio: Guevara, l’ONU e il nucleare iraniano riferito a un altro presunto “Stato canaglia”, l’Iran, che era stato a sua volta oggetto per anni di una denigrazione e una falsificazione quasi unanime. Tra l’altro era stato difficile spiegare perché andava difeso dalle pretese imperialiste, quando perfino una storica dirigente del PRC come Lidia Menapace lo definiva “fascista”.

Difficile far capire che bisogna opporsi a un attacco imperialista contro un paese anche se il suo gruppo dirigente non ci piace. Viceversa c’è anche il rischio che, per una specie di riflesso condizionato, della vittima designata si difenda anche l’indifendibile. Ad esempio cercando su Internet una citazione di Guevara sulla Corea che ricordavo e volevo controllare senza andare a cercarla nelle opere complete, ho scoperto che c’è un gruppo che ripropone oggi un suo discorso del 1961 sulla Corea, ingenuamente apologetico come altri di quei primi anni di apprendistato, fatto dopo il primo viaggio del Che nei paesi che credeva ancora socialisti, accompagnato da tanto di ringraziamenti e riferimenti elogiativi della redazione a Suslov, Smirnov e...Maduro! (http://cheguevara.forumfree.it/?t=68714339 ).

E così ho scoperto che c’è perfino chi partecipa a “gruppi di studio” sullo “Juché”, cioè sul pensiero di Kim il Sung e del suo singolare nipote ed erede, sempre abbinato al povero Che Guevara... http://www.jucheitalia.it/Dirigenti/KimIlSung/KimIlSung_CheGuevara/KimIlSung_CheGuevara.html

Forse questo spiega in parte perché ci sono sempre meno persone disposte a mobilitarsi contro un nuovo pericolo di guerra: non è entusiasmante dover accettare Kim Jong-un per rifiutare Trump (o anche Obama).

 

Credo che in parte ciò si debba alla confusione che regna nella sinistra quando (raramente e tardivamente) affronta tematiche internazionali. Invece di dire seccamente: “il paese aggressore non è la Corea del Nord” (che tra l’altro al massimo ha una decina di testate nucleari) “ma sono gli Stati Uniti” (che ne hanno 7 o 8.000, dislocate nelle basi militari intorno alla Corea come in ogni parte del mondo, sempre in terre lontanissime dal loro territorio) si discute se Kim è pazzo o no, o magari lo si santifica e trasforma in una guida.

Sono questioni diverse, l’imperialismo va combattuto comunque, senza accettarne i pretesti, e senza concludere che chi per qualche ragione è diventato il suo bersaglio non possa più essere criticato. Criticato ovviamente da un altro punta di vista, del tutto opposto a quello dell’imperialismo: ad esempio per le privazioni che impone alla popolazione per le sue spese militari, al tempo stesso esagerate e insufficienti allo scopo che si prefigge.

È assurdo che, se nel mirino dell’imperialismo (insieme ad altri paesi, scelti volta a volta per le più varie ragioni, tra cui sempre la loro probabile maggiore vulnerabilità) è finito anche il governo del Venezuela, questo non possa più essere criticato.

I nostalgici del “socialismo reale” possono considerare secondario il fatto che, come accadeva in quei paesi, chi detiene il potere politico nomini gli organi che dovrebbero controllarlo, e soprattutto attestare la regolarità del processo elettorale, ma non possono ignorare lo sfacelo economico del paese, senza paragone con la situazione di altri paesi, della stessa area e con stessa struttura sociale, con analogo governo.

L’argomento: “Maduro non è Allende, ma i nemici dei due sono gli stessi”, non regge. Prima perché sarebbe necessario tener conto dei gravi errori fatti anche dal pur generoso Allende soprattutto nel suo ultimo anno di governo (vedi qui), sia perché questa logica porterebbe a giustificare un gran numero di altri sfortunati paesi finiti in quel mirino. L’imperialismo prospera perché conquista consensi presentando la sua arroganza come una difesa da regimi detestati. Ne minaccia molti, ma quando ne colpisce uno lo sceglie per la sua debolezza, non per la pericolosità. O era davvero pericolosa la Repubblica Democratica Tedesca, con la sua enorme ma inutile Stasi? [Vedi Il muro e la Stasi]

Per questo difendiamo il Venezuela da qualunque attacco la minacci realmente, ma senza avallare una politica economica insensata che spinge ogni giorno decine di migliaia di venezuelani a cercare di emigrare, e senza giustificare la propaganda menzognera del clan Maduro-Cabello-Padrino, che dopo aver presentato a lungo come nazifascista un’opposizione variegata che rappresentava una vasta gamma di posizioni politiche e aveva comunque ottenuto una netta maggioranza nelle ultime elezioni svoltesi regolarmente nel 2015, ora ne lusinga una parte offrendole di partecipare alle elezioni regionali che dovevano essere tenute nel 2016, e che se e quando si faranno, saranno condizionate dal monopolio assoluto degli organi di controllo da parte della sedicente Assemblea costituente “monolitica”, che ha già deciso chi ammettere e chi escludere!

Altro che prova di democrazia, è solo la prova della loro capacità di mentire, e della sicurezza di poter manipolare il voto, una volta concentrati tutti i poteri nelle loro mani violando la costituzione di Chávez.

Questo articolo è stato pubblicato qui

08/09/2017