Home » Attualità » Guarda in camera

Guarda in camera

      

 

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU

greekcrisis.fr

Fulvio Grimaldi è uno dei pochi giornalisti italiani che si interessa ancora della Grecia, ed è venuto ad Atene per girare immagini della crisi e per parlare con le persone che la vivono in prima linea. Sua guida è stato Panagiotis Grigoriou, che riporta quanto detto dagli intervistati. Le loro storie parlano di malati di cancro senza cure, di medicinali scaduti dal prezzo in Dracme e di malattie mentali in crescita esponenziale, mentre Tsipras fa finta di opporsi alle ennesime misure di austerità. Ma non mancano i ministri che ormai ammettono apertamente che le leggi le scrivono direttamente gli esponenti della Troika.

 

Zabatis Babis, capo del servizio di Oncologia e Chemioterapia, intervistato da Fulvio Grimaldi. Atene, 29 maggio 2017


Quasi estate. Secondo tutti, il governo si dà un sacco di arie in questi giorni. La presunta famosa “polemica” circa la ristrutturazione del debito greco è fumo negli occhi. Alexis Tsipras e il suo partito sosterranno ancora una volta di essere pronti a bloccare le “trattative” tra “noi” e la Troika allargata; Tutto questo, naturalmente, nell’indifferenza generale. False realtà, futuro in sospeso.


Tempo di … volpi. Atene, maggio 2017


I greci amano dire che il tempo presente, è “tempo da volpi”, intendendo così che bisogna diffidare di tutti e di tutto e quindi è naturale che il sospetto regni sovrano ovunque. E sono precisamente questi tempi da … volpi che il regista e giornalista italiano Fulvio Grimaldi e sua moglie Sandra, sono venuti a filmare la scorsa settimana ad Atene. Fulvio ha in preparazione un documentario, dedicato in parte alla crisi greca, da mostrare soprattutto ora che l’ortodossia dei media mainstream dice che … “il caso greco è ormai risolto”.

L’ho accompagnato nel suo approccio ateniese, e abbiamo confrontato i nostri sguardi, così come i nostri modi di interpretare i gesti e le parole di persone e situazioni incontrate. Secondo Fulvio, la crisi greca è meno visibile al primo sguardo e quindi certamente più insidiosa della  crisi argentina tra il 1998 e il 2002. Il crollo greco non è stato così improvviso, né così diffuso come altrove. Tuttavia, la situazione del paese non è affatto quella del 2010, e questo naturalmente, al di là di ogni possibile apparenza, in particolare quelle più facili da cogliere per chi ha un approccio solo … turistico.

Fulvio, ha intervistato per il suo film tre politici provenienti da tutta la sinistra greca (in ordine, Alékos Alavános, Katerina Thanopoúlou e Panagiótis Lafazánis), ed anche Babis Zabatis, responsabile del reparto capo in oncologia e chemioterapia dell’ospedale pubblico Agios Savvas di Atene, e, infine, Polyxeni, farmacista e volontario responsabile medico presso il Centro di solidarietà Elliniko (MKIE), a sud di Atene.


Fulvio Grimaldi mentre riprende. Atene  Maggio 2017


Alékos Alavános, intervistato da Fulvio Grimaldi. Atene, 27 maggio 2017
Katerina Thanopoúlou, intervistata da Fulvio Grimaldi. Atene, 27 maggio 2017


Alékos Alavános, ex leader di SYRIZA, prima di Alexis Tsipras, che ha lasciato la formazione della “sinistra radicale”, è dal 2013 il capo del piccolo movimento del ‘Plan-B’ (il programma chiede il ritiro della Grecia zona euro e anche dall’UE).

Ci siamo incontrati sulla terrazza di un caffè ateniese. Aveva appena finito di partecipare al dibattito organizzato intorno al libro di Katia Charalambaki illustre psichiatra: “Famiglie greche in anni difficili. Note di uno psichiatra “.

Alekos ha dapprima espresso … come si era sentito in imbarazzo partecipando a una tale discussione … a proposito del libro di sua moglie (Katia Charalambaki)! Il libro, prima evoca una serie di casi clinici, che sono allo stesso tempo testimonianze, provenienti da coloro che vanno (se possono) dal loro psicoterapeuta. Si indaga l’origine e l’iniziazione (nel senso direi più ampio del termine) dovuta alla crisi greca (economica e sociale), così come la sua permanenza nel seguito e quanto hanno sconvolto la vita familiare rimettendo al centro il punto di vista materiale delle cose (sopravvivenza, risorse) e quindi cambiando l’atteggiamento delle persone. Inevitabilmente, il rapporto tra i membri delle famiglie resta sconvolto. In realtà, il legame familiare ha sofferto molto dopo la crisi, e in molti molti casi, non sopravvive più alcun legame, secondo le stime di Katia Charalambaki.


Alékos Alavános, presentazione del libro Katia Charalambaki. Atene  Maggio 2017

 

Panagiótis Lafazánis, intervistato da Fulvio Grimaldi. Atene, 28 Maggio 2017



Meeting Nazionale di Unità Popolare. Atene, 28 Maggio 2017


Così, per il terapeuta familiare, di fronte queste nuove categorie di situazioni, un altro approccio diventa necessario. Per arrivarci, Katia Charalambaki anche voluto riferirsi al lavoro di coloro che in passato l’hanno maggiormente influenzata nella sua pratica e nel suo lavoro. In particolare, l’antropologo americano Gregory Bateson, lo psichiatra Mony Elkaim, e psicologo belga Pluymaekers Jacques.

Alékos Alavános, architetto e lui pure psicoanalista di formazione, si dice molto consapevole di questa necessità … “Dobbiamo andare oltre, al di là”, come dice lui, “in termini di significato.” Questo è ovviamente valido anche in politica, “qualsiasi riorientamento radicale del paese, soprattutto in termini di euro e l’Unione europea, dovrebbe essere spiegato, la portata e profondamente sostenuto, se non avviato dal basso. SYRIZA ha commesso un crimine politico enorme … Tutto è molto più difficile ora “(citato a memoria).


Katerina Thanopoúlou (ha lasciato il Comitato centrale SYRIZA per unirsi ad Unità Popolare nel mese di agosto 2015), ex vice presidente della Regione dell’Attica per gli affari sociali, condivide praticamente la stessa opinione. “La reazione dovrebbe essere organizzata dal basso … salvo che non arriva.” In tutto quel tempo, un animale domestico era lì …e ha tenuto sott’occhio la telecamera di Fulvio Grimaldi per la maggior parte del colloquio con Katerina. La reazione, comunque, deve pur venire da … da qualche parte, questo è certo.


Monumento in onore dei combattenti comunisti (KKE). Atene,maggio, 2017



riparo di un senzatetto. Atene,maggio, 2017



un altro sguardo … sulla macchina fotografica di Fulvio Grimaldi. Atene, maggio 2017


Più … visionario nella sua prospettiva direi, Panagiótis Lafazánis crede da parte sua che “un grande movimento di rivolta è in preparazione, ad esempio, in occasione del 5 luglio, vale a dire che, a due anni dal referendum del 2015, il momento clou del ‘NO’ pronunciato dal popolo greco, le stesse persone si mobiliteranno”. Il leader di Unità Popolare, aveva partecipato in precedenza una riunione del Comitato nazionale del suo partito, ma verso la fine dei … lavori, la stanza si stava gradualmente svuotando.

“Compagni, penso che dobbiamo far venire qui Mélenchon, nell’ambito delle azioni di Unità Popolare. Buona idea, vero?”. Così tanto per dire l’ultima idea … detta dall’ultimo oratore. In breve, senza giri di parole, dopo due anni di SYRIZA al “potere”, il paese vede il vuoto alla sua sinistra … la pagina che la riguarda è stata girata, se non proprio strappata da Alexis Tsipras dal libro della politica (oggi deserto) greco.

E’ quasi l’estate, e gli Ateniesi si precipiteranno sulle spiagge di Attica. Maria, la vicina di casa,  si destreggia al meglio, basso reddito … debolmente rinforzato da quello di Thanassis, suo compagno, non sarà mai più interessata alla politica (dei partiti) e ancor meno alle dichiarazioni di Alekos , Katerina o Panagiotis, o chiunque altro.

“C’è un tempo per ogni cosa … Thanassis ed io alla fine siamo partiti nel corso di questo lungo weekend verso Kythnos, nelle nostre splendide Cicladi. Abbiamo trovato una stanza per € 40 al giorno, cosa impossibile in estate. Non mi lamento, io lavoro … in proprio ed alal mia maniera. Lo Stato ed i politici sono i nostri nemici. Vogliono sterminarci. Resistere per sopravvivere, ma anche cercando di avere meno rapporti possibile con lo Stato e con l’amministrazione. Noi viviamo con poche risorse e pochi bisogni, ma quel poco è buono per noi. Inoltre, non abbiamo debiti, il che è anche fondamentale:”.


poesia e pittura “ Tempi Duri”. Atene,maggio 2017
il porto del Pireo.Maggio 2017

 

Temistocle … porta d’ingresso per la crociera. Pireo,maggio 2017
Porto del Pireo, caffè in bancarotta, maggio 2017


Allo stesso tempo, ad Atene, per esempio i senza fissa dimora della capanna (animali compresi), dentro un ex chiosco … riconvertito, installato in altri tempi e circostanze vicino al Ágios Hospital Savvas, non partiranno ed apprezzeranno come una benedizione solo la fine dell’inverno.

Di fronte a loro, un monumento del Partito Comunista Greco (KKE), celebra … solo la memoria dei combattenti caduti nella battaglia di Atene (Guerra Civile, dicembre 1945), “contro la borghesia e contro l’imperialismo inglese”. Fulvio ha osservato che questo piccolo monumento è invisibile, in realtà, è condannato all’oblio, segno probabilmente del momento.

E Pireo, mentre chi va crociera può ancora divertirsi, alcuni caffè resteranno chiusi, come abbiamo già accennato, la crisi greca è meno visibile dalla superficie, ma certamente più insidiosa … della crisi in Argentina. Il crollo greco non è improvviso o generale. Tranne che ad Agios Savvas, grande ospedale della sanità pubblica, specializzato in oncologia. Lì abbiamo incontrato Zabatis Babis, capo dei servizi di oncologia e chemioterapia.

Polyxeni, al Medical Center solidale di Elliniko. 29 Maggio, 2017

 

confezioni di un farmaco con prezzo in Dracme. Elliniko, maggio 2017

 

“Soluzione limpida o che sia crisi.” “Quotidiano dei Redattori” 27 maggio 2017
“Il prossimo passo di Alexis Tsipras.” “Ta Nea”, 27 maggio 2017



Terrazza di un caffè ad Atene. Maggio 2017

 

“Schäuble idiota …”. Atene, maggio 2017


Anche se sorride alla telecamera di Fulvio Grimaldi (29 maggio), è attraverso il suo intero essere che il dottor Babis Zabatis cerca invano di levarsi quell’aria amara del tempo presente”, il “tempo delle volpi” necessariamente.

“La crisi per noi, è soprattutto la crudele mancanza di personale. Migliaia di medici hanno lasciato la Grecia. Invece di undici interni al mio servizio, per esempio, ne ho solo due ora, non possiamo più soddisfare le esigenze dei pazienti … così muoiono, o muoiono più rapidamente, perché spesso rimangono a lungo senza trattamento . C’è un fatto nuovo, poi  … abbiamo notato un aumento di mortalità, senza precedenti, secondo i medici. Negli ultimi tre o quattro anni di crisi, non siamo più riusciti a svolgere la nostra missione, i nostri sforzi sono sovrumani, e ho perso cinque colleghi, per attacco di cuore, ictus … o, rapida progressione di un cancro. E’ terribile …”

Polyxeni, farmacista volontario  al Medical Center solidale di Elliniko a sud di Atene, ha pure lui risposto alle domande da Fulvio e Sandra, e per di più, in un impeccabile italiano (29 maggio).

“Il governo Tsipras ha finalmente aperto la porta agli ospedali ai non assicurati (quasi un terzo della popolazione del paese, comunque). Solo che la mancanza di personale, attrezzature, ambulanze … tutto questo rende la situazione di fatto ingestibile. La presa in carico delle necessità è lunga, troppo lunga, un’attesa di sei mesi per un paziente affetto da cancro diventa sinonimo di condanna a morte… e poi c’è la spinosa questione dei medicinali. Anche se c’è solo una quota di costo da addebitare ai pazienti, molti non ci arrivano comunque, assicurati o no. Alla fine arrivano al Medical Center solidale, dove riusciamo a fornire tutti questi farmaci gratuitamente, così come forniamo il latte per bambini o i pannolini.

“Sempre ad Elliniko all’angolo di uno scaffale denominato …”Museo della dracma” i farmacisti del Centro, tengono le scatole di alcuni farmaci risalenti al tempo precedente (l’euro), con i prezzi espressi in dracme. Follie?


“Non dimenticate mai il nostro poeta Elytis”. Archivi di Atene, maggio 2017
“Taxi per gli animali.” Atene,maggio 2017

 

La casa del generale Ioánnis Metaxás. Kifissia, maggio 2017


I giornali intanto, preferiscono preoccuparsi dell’ultima (presunta) trattativa tra gli Tsiprosauri ed Troïkani; “Una soluzione limpida che sia crisi” (“Quotidiano dei redattori”), o “Il passo di Alexis Tsipras” (prima del precipizio) (“Ta Nea”). Kóstas Zachariadis, direttore del gruppo parlamentare SYRIZA ben dentro lo spirito del tempo, ha appena dichiarato (99,5 FM, 26 maggio 2017):
“Noi, lo confessiamo. Diciamo che il paese è sull’attenti davanti a voi, è sotto tutela. In sostanza, per quello che riguarda la politica economica e fiscale, abbiamo co-governato con le istituzioni, con la troika. Tante volte costoro afferrano le nostre mani e, detto francamente, scrivono e dirigono le nostre leggi”. Questa è la fase successiva della meta-democrazia, dopo il “governo per decreto”.

Ho mostrato a Fulvio la casa del generale Ioánnis Metaxás nel quartiere di Kifissia della grande borghesia greca. Nonostante il fascino della sua dittatura (1936-1941), Metaxas era inizialmente più vicino alle democrazie occidentali che a quelle dell’Asse. Mussolini il 28 Ottobre 1940 gli mandò un ultimatum progettato per essere inaccettabile attraverso Emanuele Grazzi, allora ambasciatore italiano in Grecia. Grazzi andò a Kifissia alle 3 del mattino chiedendo che la Grecia consentisse l’occupazione da parte degli eserciti italiani di tutti i siti strategici. Metaxas disse allora la sua famosa parola, “NO”, e lo disse in questa casa.


camion decorati. Pireo,maggio 2017



I nuovi cuccioli …. Atene,maggio 2017


Golfo Saronico, anni 1960

 

L’Italia invase la Grecia il 28 ottobre partendo dal suo protettorato Albanese, scatenando la guerra tra i due paesi. La difesa greca fu eroica, respingendo gli italiani in Albania. Mussolini perse la … guerra fino all’intervento di Hitler nel mese di aprile 1941. “E ‘la nostra storia comune”, abbiamo detto, Fulvio e me. Era il tempo del ‘NO’, ma i tempi storici possono cambiare.

In Pireo, alcuni camion … tradizionalisti rimangono decorati con i simboli del paese, nuovi cuccioli sono già nati, mentre nei quartieri ricchi della Riviera di Atene, alcuni professionisti offrono i loro servizi … … di taxi per animali domestici.

Quasi estate. Il governo come la famosa rana incamera molta aria nei giorni appena trascorsi scorsi.

Tempo attuale, “tempo da volpi” sotto lo sguardo impenetrabile di animali adespoti (senza padrone) di fronte al mare. Guardate in macchina?


Animale adespota. Riviera Ateniese, maggio 2017

Panagiotis Grigoriou

Fonte: www.greekcrisis.fr/2017

Link: http://www.greekcrisis.fr/2017/06/Fr0620.html#deb

2.06.2017

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di FRANZ CVM

 

13/06/2017