Home » Diritti e laicità » Il Femminicidio e l’Argentina

Il Femminicidio e l’Argentina

 

Femminicidio è il famoso neologismo che indica l'atto più grave e riprovevole di violenza contro le donne, ma è anche il segno più limpido e trasparente di una società storicamente e antropologicamente diseguale. Una delle possibili spiegazioni di questo neologismo è che il femminicidio non indica esclusivamente e banalmente l’atto omicida contro una donna. 

Inoltre non tutti gli omicidi di donne sono classificabili e catalogabili con il termine femminicidio. Il femminicidio piuttosto identifica una situazione ben più complesso che comprende un preciso tessuto economico, sociale, politico e culturale che favorisce nettamente un sesso su un altro. 

 

Il termine femminicidio indica precisi rapporti di potere all’interno di un gruppo ed all’ interno di una società mascolinizzata, dalla struttura, alla propaganda, ai riti, alle tradizioni, alle azioni quotidiane che confermano la sottomissione della donna. L'affermazione della virilità attraverso una sessualità legata al potere, al controllo, alla dominazione e alla sottomissione, che dà luogo a umiliazioni e profonde limitazioni di genere.

Lo studioso Pierre Bourdeu (2000) spiegò che il femminicidio agisce come omicidio, stupro o tortura, ma nasconde meccaniche be più complesse: ad esempio, il desiderio di dominare, di sfruttare o opprimere direttamente legato alla paura maschile di perdere potere e controllo sul corpo femminile. Il femminicio è il sintomo di un patriarcato in decadenza che tenta disperatamente di recuperare il terreno perduto tramite una vera e propria forma di “terrorismo-sessista”: gli strumenti saranno i presunti “omicidi-passionali” (così-detti) o il “revival” delle varie forme di fondamentalismo religioso che vede nella mortificazione del ruolo sociale femminile (limitato alla riproduzione o alle cure domestiche) il suo apice. In genere nel patriarcato la supremazia degli uomini agisce come un meccanismo di controllo, contenimento, oppressione, punizione e aggressione nociva che, a sua volta, riproduce energia per gli uomini e le loro istituzioni formali e informali. La persistenza della struttura patriarcale non può essere sostenuta senza violenza che oggi chiamiamo “di genere". Le donne tra i 15 ei 44 anni hanno più probabilità di essere e o uccise dagli uomini che morire di cancro, di malaria, incidenti stradali o a causa di guerre.

Secondo il Centro de Ginebra para el Control Democrático de las Fuerzas Armadas 

 (DCAF) ogni anno scompaiono demograficamente tra i 113 ei 200 milioni di donne. Queste sparizioni e questi omicidi sono il risultato di diversi meccanismi:

Questo significa che ogni anno tra 1,5 e 3 milioni di donne di tutte le età sono vittime di violenza di genere. La mancanza di cure mediche comporta la morte di 600.000 donne ogni anno durante il parto.

L’ Argentina è una delle nazioni con i tassi di femminicio più alti, ma è sempre stata anche una nazione particolarmente “reattiva” verso le ingiustizie di genere. L'Argentina ha alzato la voce questo 6 marzo contro la violenza di genere nel paese, un dramma che colpisce la vita di una donna ogni 30 ore. 

Sotto lo slogan "#ni una meno" migliaia di persone si sono concentrate nelle piazze della capitale e in altre città in Argentina, in Cile e Uruguay per chiedere un maggiore coinvolgimento istituzionale e una risposta più decisa della giustizia contro le violenze di genere. Non ci sono striscioni politici, l'indignazione di gruppi diversi di donne ha portato alla prima manifestazione di massa contro la violenza di genere, una protesta che ha avuto come epicentro la capitale dell'Argentina. Hanno richieste anche una legge specifica proteggere le donne maltrattate, una fu emanata nel 2009 dal governo di Cristina Fernandez de Kirchner, ma il numero di omicidi di donne vittime rimase pressoché invariato anno dopo anno. Dal 2008, più di 1.800 donne sono state uccise, secondo la Casa del Encuentro, una Ong che assiste le vittime della violenza di genere. 60.000 sono state le denunce da quell'anno e si tratta solo di una parte del dramma. In pochi giorni, la campagna #ni un meno contro la violenza divenne virale sui social network e decine di politici, artisti e personaggi pubblici aderirono alla campagna. Lo slogan lanciato da un gruppo di professioniste è ispirato da un verso della poetessa e attivista sociale Susana Chavez messicana, assassinato nel 2011 per denunciare le morti violente di donne nel suo paese. "Non una donna di meno, non una morte in più", ha scritto Chavez.

Uno delle "madrine" delle iniziative di marzo è stata la disegnatrice popolare e scrittrice Maitena, per la quale la violenza di genere "è un problema che deve essere risolto non solo dallo stato ma dall'intera società". "Dobbiamo cominciare a parlare di questi problemi e non abbandonarli durante questa marcia," ha detto Maitena, uno dei tre personaggi pubblici (con gli attori Juan Minujín e Erica Rivas) responsabili per la lettura di un appello indirizzato alle autorità chiedendo di intervenire sulla questione e fermare una volta per tutte la violenza contro le donne.

Questi sono i casi più scioccanti riportati dai media argentini.

Pochi mesi fa, un bambino è stato ritrovato in una fogna a Cordoba accanto al corpo della madre, uccisa dal suo compagno. E a Buenos Aires, un uomo ha colpito con 42 coltellate la moglie. Ogni giorno, una storia tragica, in un paese con una cultura maschilista esagerata in cui le donne molestie verbali è banale e raramente fallito. 

L'ultimo caso che ha sconvolto il paese è quello di Chiara Páez, una ragazza di 14 anni picchiata a morte dal suo ragazzo di 16 anni, in un villaggio nella provincia di Santa Fe. Chiara era incinta di tre mesi. Il suo assassino aveva scavato una buca in giardino con la presunta complicità della sua famiglia. Il caso di Ana Maria, la madre di Melina Romero, una giovane donna il cui corpo è stato trovato recentemente in un fiume di Buenos Aires. Il corpo è stato avvolto in un sacchetto d’immondizia. 

Gli appelli lanciati da diversi gruppi di donne hanno avuto questa volta un impatto enorme tra la classe politica, cui si è aggiunto il messaggio degli organizzatori attraverso il social network. Questo è il caso dell’ex presidente Kirchner, che ha pubblicato diversi tweet che ricordano l'importanza della lotta contro la violenza di genere.

Una delle principali richieste degli organizzatori della marcia è stata la regolazione della legge approvata nel 2009, che dovrebbe fornire una protezione per le donne maltrattate. Ma le organizzazioni femministe si lamentano che questa regola che si è dimostrata del tutto inefficace. Hanno richiesto tra le altre misure, la creazione di un registro unico delle vittime di violenza di genere, l'assistenza istituzionale per donne maltrattate e coinvolgimento più attivo della giustizia e della polizia nel trattare le accuse di abuso. 

 

17/06/2016