Home » Attualità » L’importanza di un processo, bel al di là di quel “putissimu pure ammazzarlo”

L’importanza di un processo, bel al di là di quel “putissimu pure ammazzarlo”

a Ciotti

      

 

 
 

 

L’isolamento, l’induzione alla paura ed all’omertà, ma soprattutto le minacce. Sono questi, da sempre, gli ingredienti che le mafie usano per colpire chi cerca, col proprio lavoro, di lottarle e di colpirle in ciò che più interessa: i soldi ed i loro beni.

E quando il boss Toto Riina, parlando “nell’ora d’aria” con il boss della Sacra Corona Unita, Alberto Lorusso, pronunzia quella frase “putissimu pure ammazzarlo” nei confronti di don Luigi Ciotti, non sta sfogandosi con un compagno di merende, sta impartendo un vero e proprio ordine.

Un boss del calibro di Salvatore Riina, meglio conosciuto come “Totò u curtu”, dal regime carcerario del 41bis, ha ben poche possibilità di impartire gli ordini all’esterno, se non tramite il dialogo con l’altro boss, Lorusso. Ed è così che, il 14 settembre 2013, nel carcere di Opera a Milano, il boss dei boss di ‘cosa nostra’ manda un segnala chiaro, inequivocabile, paragonando don Luigi Ciotti a don Pino Puglisi, lamentandosi della “sua scorta” e dell’attività che il fondatore di Libera conduce nel riutilizzo dei beni confiscati. I beni confiscati, vero problema per il capomafia di Corleone.

Al netto di insulti non riferibili, molto più che le minacce di morte a don Luigi, vi è il “non detto”, di una mafia che non ha mai smesso di sparare e di ammazzare (persino il giorno prima della commemorazione dei 25 anni dalla strage di Capaci), di un capomafia, Totò Riina, molto più interessato a non perdere il suo scettro del comando che al regime duro al quale è costretto. Ed i suoi comandi sono chiari: fare fuori don Lugi Ciotti, Nino Di Matteo e tutti coloro che cercano col proprio operato di lottare la mafia. E’ tanto grave la minaccia di Riina che non sarà don Ciotti (che apprenderà delle minacce solo tramite la stampa) a chiedere il processo per il boss di cosa nostra, bensì la Procura di Palermo, procedendo d’ufficio, ad inviare il testo integrale delle intercettazioni alla competente Procura di Milano.

Il processo che potrebbe iniziare, se Riina fosse rinviato a giudizio, andrebbe ben oltre le minacce a don Ciotti, sarebbe la dimostrazione di come la mafia continui ancora oggi a cercare di ridurre un intero popolo alla paura. Un popolo che non ci sta e che ieri a Milano si è stretto attorno a don Luigi, facendo comprendere come le minacce inaccettabili a lui rivolte fossero, in realtà, da dividere su molte più spalle.

E sempre per parlare di segnali (ossigeno per le mafie), non può passare inosservata la presenza a tutti i costi del boss Riina in videoconferenza messo lì, davanti a don Lugi Ciotti, quasi a voler continuare un braccio di ferro molto più pericoloso di una singola minaccia.

E’ per questo che don Luigi Ciotti è stato in aula con l’avvocato (amica di sempre e compagna di mille battaglie) Enza Rando, la quale si è opposta alla richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura di Milano.

In mezzo a tutto questo vi è il raddoppio della tutela di don Luigi da quel 14 settembre del 2013, da quelle parole che non possono essere “al vento”, ma indirizzate a chi, fuori, è ancora pronto ad agire, per l’odio verso chi  gestisce – facendoli rinascere – quei beni confiscati. Verso chi, fuori dal Tribunale di Milano, ha urlato a squarcia gola non la propria vicinanza a don Luigi, ma la voglia di unirsi a don Luigi ed a quanti, come lui, hanno fatto della propria vita una missione per la “libertà e la giustizia” contro il puzzo del compromesso imposto dalle mafie.

 

https://www.articolo21.org/2017/05/limportanza-di-un-processo-bel-al-di-la-di-quel-putissimu-pure-ammazzarlo-a-ciotti-2/

30/05/2017